Il Decreto Ingiuntivo Fai da te – ScriviAvvocato.it

Caro avvocato devo recuperare €500,00 per un prestito scaduto fatto ad una persona con scrittura privata. Visto l’importo non so se vale la pena affrontare le spese per un avvocato.

Davanti al Giudice di Pace (GdP) le parti possono stare in giudizio personalmente nelle cause con valore sino ad €1.100 così recita l’articolo 82 c.p.c..  In più, aldilà del valore causa, il GdP, in considerazione della natura ed entità della stessa, può autorizzare la parte a stare in giudizio in prima persona. Negli altri casi occorre sempre l’assistenza di un avvocato. Per il caso in esame esiste la possibilità di rivolgere la richiesta direttamente al GdP (competente per valore, salve le materie riservate al tribunale). Non è pratica molto nota e diffusa, tuttavia, in alcuni casi, la semplicità della lite può rendere opportuno muoversi da soli. Occorrerà un minimo di conoscenza dei propri diritti e l’onere di relazionarsi con l’Ufficio del Giudice di Pace competente per territorio. Per un credito documentato da prova scritta, entro i detti valori, il cittadino (ma anche la società o la PA) può optare per la richiesta in proprio di un decreto ingiuntivo ai sensi dell’art. 633 e segg. c.p.c, e  le uniche spese da affrontare saranno il contributo unificato da € 21,50 ed i costi di notifica. E’ necessario scrivere e firmare il ricorso in duplice copia corredato dai documenti che comprovano il credito,  allegare la marca contributo unificato acquistabile presso le ricevitorie Lottomatica,  ed effettuare l’iscrizione a ruolo (si può preiscrivere tramite servizio servizio SIGP@Internet Nazionale). Una volta ottenuto il decreto lo si potrà notificare al debitore tramite Ufficiale Giudiziario e attenderne le reazioni. Importante dunque conoscere questa possibilità anche se è facile sbagliare,  non a caso è d’uso, anche per questi importi, rivolgersi ad un avvocato anticipando le spese legali che il Giudice addebiterà alla controparte.

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*