Testamento olografo: corsivo o stampatello?

Vorrei cautelarmi con un testamento scritto di pugno, la mia grafia in corsivo è poco comprensibile posso redigerlo in stampatello? l’art. 602 c.c. richiede tre requisiti per la validità del testamento olografo: la scrittura di pugno (detta appunto olografia), la sottoscrizione e la datazione. L’olografia e la sottoscrizione sono necessari a pena di nullità, la datazione a pena di annullabilità del testamento. Una prima interpretazione escludeva la validità del testamento nel caso in cui il documento fosse redatto in modo tale che i caratteri non recassero l’impronta della personalità del testatore (dattilo, stampa, o supporto informatico). Secondo questo orientamento gli scritti realizzati in stampatello altro non sarebbero che imitazione di caratteri a stampa e non permetterebbero di ricondurre la paternità della scrittura all’autore, mentre unicamente valido sarebbe l’atto di ultima volontà redatto in corsivo, come il testatore è solito scrivere. L’olografia viene qui intesa come mezzo richiesto per poter ragionevolmente provare che lo scritto sia opera del testatore. Prevale attualmente una teoria contrapposta, appoggiata dalla giurisprudenza, che valida il testamento scritto in stampatello a condizione che la scrittura sia riferibile al testatore, esclusi i casi di imitazione pedestre dello stampato. È innanzitutto la legge che prescrive l’olografia e non particolari stili del carattere, pertanto il requisito può ritenersi integrato anche con uno stampatello redatto di pugno. Anche lo stampatello olografo è un segno della provenienza dalla mano del testatore e non renderebbe meno genuina la provenienza della scheda dal de cuius, specie se questi fosse solito in vita scrivere anche con quello stile. In questa direzione si è pronunciatala Cassazione con la sentenza del 5 dicembre 2018, n. 31457. In conclusione il testamento in stampatello non si fa preferire a quello in corsivo, ma può ritenersi comunque valido

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*